Chiusura dei servizi per il periodo estivo. Informiamo che i nostri uffici resteranno chiusi dal 08 agosto 2022 al 26 agosto 2022 compresi, in conformità con le ferie d’estate. Tutte le attività riprenderanno normalmente Lunedì 29 agosto 2022. Cogliamo l’occasione per augurarvi una buona estate. Grazie, il team di Counsel – Padova

Specialisti in Finanza d'Impresa
supportati da tecnologie fin-tech avanzate

Finanza agevolata: le opportunità per le imprese

consulenza finanza agevolata
La finanza agevolata rappresenta indubbiamente un’opportunità per le imprese, ma spesso districarsi nel groviglio di leggi, normative e richieste di documenti, può non essere facile. L’azienda che può beneficiarne merita di essere informata, perché solo grazie al giusto supporto può valutare i benefici di questa forma di finanziamento e, soprattutto, farlo nel migliore dei modi. Perché ciò che le serve è poter valutare con chiarezza e semplicità le modalità con cui le diverse soluzioni di finanza agevolata possono farla crescere e prosperare nel tempo. Ne parliamo in questo articolo.

Tabella dei Contenuti

Cos’è la finanza agevolata

Si tratta di una specializzazione della finanza aziendale, prettamente dedicata al reperire fonti di finanziamento a condizioni più favorevoli rispetto a quelle di mercato.

Da qui il termine ‘agevolata’.

Questa forma di finanziamento è reperibile attraverso i cosiddetti strumenti agevolativi pubblici, che possono avere un’origine nazionale, comunitaria, regionale e anche locale.

I soggetti promotori possono infatti essere la Comunità Europea, lo Stato italiano, anche le Regioni, i singoli Ministeri o strutture locali quali la Camere di Commercio.

Questi soggetti mettono a disposizione dei fondi con lo scopo di supportare le imprese nel processo di miglioramento, di crescita e di sviluppo. 

È importante considerare, che lo scopo ultimo della finanza agevolata è la crescita del tessuto delle imprese e, con esse, dell’intero sistema economico nazionale o europeo.

bilancia norme

Chi norma la finanza agevolata?

Il quadro è articolato. 

Nello scenario comunitario, vengono stanziati dei fondi con l’obiettivo di supportare le imprese o l’imprenditoria europea.

 A livello nazionale, il Governo emana delle leggi che hanno l’obiettivo di favorire, agevolare e spingere il sostegno alle imprese italiane.

Lo stesso accade a livello regionale, dove le regioni attivano politiche di intervento volte a favorire l’agevolazione finanziaria delle imprese, attraverso delle leggi regionali.

Ci sono poi le azioni messe in campo a livello locale, spesso dalle Camere di commercio della provincia di riferimento.

finanziamenti agevolati imprese

I contributi di finanza agevolata

Sentiamo spesso parlare di contribuiti di finanza agevolata, e anche in questo caso si tratta di uno scenario articolato, perché questi contributi hanno forme diverse e, di conseguenza, benefici diversi.

Forme e benefici che devono essere chiari all’impresa. Vediamo quali sono i maggiori.

Finanziamenti a tasso agevolato

È il finanziamento che viene corrisposto a tasso agevolato, ovvero inferiore al tasso che verrebbe applicato, ad esempio, dagli istituti di credito.

Si tratta di un prestito a tutti gli effetti, concesso dall’erogatore pubblico e, in questo caso, l’agevolazione sta proprio nella differenza fra il tasso di mercato e il tasso agevolato, che permette all’impresa di accedere al credito con un minore peso in termini di interessi.

Contributo a fondo perduto

Questo contributo viene chiamato anche in conto capitale e si tratta di una percentuale, che viene calcolata sul valore di un certo bene o di un’attività che l’impresa ha acquistato, ma anche sull’ammontare dei piani di investimento che l’impresa ha sostenuto.

La spesa viene rendicontata all’ente pubblico promotore e l’impresa riceverà la cifra spettante direttamente sul conto corrente.

L’erogazione di denaro è a fondo perduto quando non sussiste obbligo di restituzione.

Contributo in conto interessi

In questo caso l’ente erogatore contribuisce a un finanziamento che l’impresa stipula con un istituto di credito.

In che modo?

Lo scopo è limitare o abbattere il costo del tasso applicato, quindi il contributo interessa proprio il tasso, che in questo modo diventa più favorevole all’impresa.

Contributo in conto impianti

Si tratta di importi che l’ente pubblico eroga alle imprese per la costruzione, l’attivazione o l’ampliamento di immobilizzazioni materiali (impianti), commisurati al loro costo.

Garanzie

Sempre in tema di accesso al credito, le garanzie di finanza agevolata vengono concesse dall’ente pubblico erogatore per garantire il finanziamento richiesto.

Scopo di questa forma di finanza agevolata è favorire l’accesso al credito alle imprese, ovvero renderle più affidabili e quindi finanziabili.

La garanzia forse più conosciuta è quella del Mediocredito Centrale, strumento di Invitalia rivolto alla micro, piccole e medie imprese del tessuto nazionale.

Sgravi fiscali 

In questo caso il contributo di finanza agevolata crea credito di imposta, ovvero l’impresa si troverà a pagare meno tasse.

Sgravi contributivi

Si tratta sempre di sgravi fiscali, legati però all’assunzione di lavoratori.

Finanza agevolata e intervento nel capitale di rischio

Anche questa è una forma di finanza agevolata, che consiste nell’entrata nel capitale di rischio di un partner pubblico o istituzionale.

Con questo sistema l’impresa aumenta il potere di mediazione nell’accesso al credito e, spesso, l’entrata si accompagna all’erogazione di un finanziamento agevolato.

finanza agevolata per le imprese

Come funzionano i bandi?

Sentiamo spesso parlare di bandi di finanza agevolata o di bandi di finanziamento a cui le imprese possono accedere.

In questo caso, ci sono i veri e propri sostegni a bando, ovvero soluzioni che hanno un inizio e una fine temporale, che spesso interessano un settore specifico (tecnologia, agricoltura, imprenditoria femminile…) e indicano l’importo messo a disposizione e i requisiti che l’impresa deve avere per accedervi.

E ci sono i sostegni a sportello, che non prevedono un periodo di tempo definito per la raccolta delle domande e rimangono aperti fino all’esaurimento del plafond stanziato.

fondi europei imprese

Finanza agevolata e fondi europei

La programmazione europea in tema di finanza agevolata è settennale e ha lo scopo di ridurre il divario socio-economico fra i diversi stati membri.

Ci sono fondi europei gestiti direttamente dall’Unione e altri che vengono gestiti in collaborazione con enti quali lo Stato o le regioni. 

I fondi europei più noti sono:

  • FSE (Fondo Sociale Europeo): per la formazione, la riqualificazione dei lavoratori, lo sviluppo imprenditoriale e l’inclusione sociale;
  • FESR (Fondo Europeo di Sviluppo Regionale): per la ricerca e lo sviluppo tecnologico, l’ innovazione e l’imprenditorialità;
  • FEASR (Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale) e FEAMP (Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca).
situazione imprese italiane

Finanza agevolata e Pnrr

Il Piano nazionale di ripresa e resilienza contiene importanti interventi di finanza agevolata a favore delle imprese.

Il Pnrr è suddiviso in 6 missioni, o aree tematiche: Digitalizzazione, innovazione, competitività, cultura e turismo, Rivoluzione verde e transizione ecologica, Infrastrutture per una mobilità sostenibile, Istruzione e ricerca, Inclusione e coesione e  Salute.

Ogni missione contiene diverse misure di finanza agevolata, quali il Piano Transizione 4.0 per la trasformazione digitale delle imprese o il Fondo Impresa Donna per il supporto delle imprese a guida femmnile.

bandi finanza agevolata per imprese

Uno sguardo al Piano Transizione 4.0

Si tratta di un insieme di misure di finanza agevolata dedicate alle imprese, che hanno lo scopo di favorire gli investimenti per l’innovazione e la competitività.

Il focus è soprattutto sulla digitalizzazione dei processo di produzione e le principali agevolazioni sono:

  • Nuova Sabatini: si tratta del contributo in conto interessi per l’accesso al credito diretto a investimenti in beni strumentali nuovi, compresi attrezzature produttive, impianti e tecnologie digitali;
  • Credito d’imposta per investimenti in beni strumentali: bonus fruibili in 5 anni che possono coprire fin
  • Credito d’Imposta Ricerca & Sviluppo, Innovazione e Design: bonus dedicato a sostenere le spese che l’impresa effettua in questi settori, con un credito di imposta che può variare dal 6% al 12%.
  • Bonus formazione 4.0: dedicato alla formazione del personale con credito fino a 300mila euro.
fondi agevolati imprese

Come accedere alla finanza agevolata

Le imprese oggi hanno bisogno di potere conoscere i benefici delle diverse forme di finanza agevolata, ma anche le modalità e gli impegni che esse portano con sé.

Districarsi in questo mondo può, molto spesso, diventare complicato, soprattutto perché servono conoscenze tecniche, legislative e capacità di interpretare i bandi con puntualità e precisione.

Questa conoscenza permette, infatti, di poter accedere alla finanza agevolata, ma va anche oltre, perché informa l’impresa sulla natura complessiva delle agevolazioni e sui meccanismi di erogazione ed eventuale restituzione dei fondi.

Per questo Counsel è al fianco delle imprese con il servizio di verifica del potenziale di accesso alla finanza agevolata, che comprende scouting, verifica, attivazione e gestione delle richieste.

Contattaci qui per avere le informazioni che ti servono in materia di finanza agevolata.

Redazione
La redazione di COUNSEL S.R.L. annovera professionisti specializzati nei settori della finanza, del fintech, del credito e della gestione di impresa. I contributi sono frutto dell’esperienza professionale e del costante studio, ricerche e studio di dati e statistiche.
Resta informato

Puoi ricevere anche tu la nostra email compilando questo form

Resta informato
Puoi ricevere anche tu la nostra email informativa compilando questo form