Specialisti in Finanza d'Impresa
supportati da tecnologie fin-tech avanzate

Può la Centrale dei Rischi diventare uno strumento per tutelare il credito alle imprese?

banca 1
Oltre che essere una preziosa banca dati, può la Centrale dei Rischi diventare uno strumento di tutela del credito alle imprese? Come può regolarsi l'azienda nella lettura dei dati, e utilizzare gli stessi come strumento per tutelare, favorire e rafforzare la propria reputazione finanziaria? Le domande sono quanto mai di interesse e le risposte sono in questo articolo, che approfondisce la gestione dei dati e la loro sintesi in ottica creditizia.

Tabella dei Contenuti

Centrale dei Rischi, algoritmi e concessione del credito

La Centrale dei Rischi della Banca d’Italia viene solitamente intesa come uno strumento di consultazione, ma le sue funzioni possono andare ben oltre, incidendo anche sulla reputazione finanziaria dell’impresa e sulla conseguente fluidità dell’accesso al credito.

L’articolo è ispirato all’intervento che Andrea Isacchi, Owner e CEO di CR Expert, ha tenuto nel corso del webinar organizzato dall’Associazione Nazionale CommercialistiDal Credito alla Liquidità” .

Lo scenario si focalizza innanzitutto sull’accesso al credito delle imprese, che nel corso degli anni è cambiato radicalmente, tanto più alla luce delle strette creditizie dell’Eba.

Oggi per accedere al credito non basta più una stretta di mano con il direttore di banca e non bastano più le garanzie di un tempo. 

Ciò che oggi conta è la reputazione finanziaria dell’impresa, che ha anch’essa maturato una natura 4.0, in quanto viene definita da dati numerici specifici e da raffinati sistemi di algoritmi e intelligenza artificiale.

Oggi i dati supportano e sono spesso l’ago della bilancia che definisce la decisione dell’operatore di concedere il credito all’impresa, ma quali sono  le ‘regole del gioco’?

Bankitalia Centrale dei Rischi

Esse si basano su una reputazione finanziaria dove la Centrale Rischi della Banca d’Italia assume un ruolo cruciale, perché permette alla stessa azienda di verificare quali sono le informazioni in essere.

La Centrale dei Rischi offre, infatti, una fotografia di insieme dei debiti di famiglie e imprese verso il sistema bancario e finanziario, servendo alle banche e alle società finanziarie per valutare la capacità dei clienti di restituire i finanziamenti concessi.

Per legge la consultazione è gratuita e accessibile a ogni soggetto in essa censito, si tratti di persona fisica o giuridica.

social network creditizio

Guardare alla Centrale dei Rischi come a un social network creditizio

Nel suo intervento, il CEO di Cr Expert Isacchi associa la Centrale dei Rischi della Banca d’Italia a un social network creditizio

“Accade, infatti, una dinamica simile a quella dei social che si è usi frequentare, con la differenza che sui più comuni network si può scegliere di ‘uscire’ quando lo si desidera, mentre la Centrale dei Rischi non può essere abbandonata volontariamente, perché si è sempre presenti all’interno di alcune soglie di segnalazione.

Ecco perché è importante conoscere la propria reputazione finanziaria, perché proprio come in un social network, chi concede il credito vi accede per verificare la situazione in essere di un particolare soggetto.

Tanto più oggi che, grazie al processo di digitalizzazione in atto, si può accedere alla CR in pochi click, anche attraverso lo Spid.

I dati presenti sono inoltre aggiornati, perché gli operatori sono obbligati a nutrire le informazioni della Centrale dei Rischi con cadenza mensile, alimentando un bacino di informazioni che si aggiorna a livello di sistema ogni 45 giorni.

Consapevoli che tutto può cambiare in questo arco di tempo, monitorare il proprio comportamento e il proprio stato presso la CR diventa quindi di cruciale importanza per definire al meglio la propria reputazione finanziaria”.

fidi

CR come unico giudizio oggettivo per concedere/rinnovare i fidi

Per tutte le società non di capitale, la Centrale dei Rischi della Banca d’Italia rappresenta l’unico giudizio oggettivo di cui una banca dispone per decidere se concedere o rinnovare i fidi.

Va inoltre considerato che il Rating MCC Medio Credito Centrale è influenzato mensilmente dalla componente andamentale costituita dalla CR, che ha natura dinamica, rispetto alla componente qualitativa Bilancio, che è statica.

Ne consegue che una non corretta situazione degli andamentali dell’azienda possa inficiare il giudizio creditizio.

Al contempo, una non favorevole posizione degli stessi andamentali può estromettere il soggetto dalla garanzia, ovvero dall’asset da cui partono le banche per effettuare le proprie valutazioni creditizie.

euro

Le strette dell’Eba e la Centrale dei Rischi: quale rapporto?

L’EBA (L’Autorità Bancaria Europea), emana periodicamente le regole da seguire in materia di concessione del credito, con l’obiettivo di garantire stabilità e solidità del sistema finanziario europeo.

In questo scenario è prevista la reintroduzione della regolarità di segnalazione in Centrale dei Rischi per accendere o chiudere nuove linee di credito.

Le strette dell’Eba si propongono lo scopo di evitare una considerevole formazione di crediti non performanti e, nel momento in cui le banche procederanno con la cessione degli stessi, le imprese si troveranno con un interlocutore diverso dagli istituti a cui ‘rendere conto’.

Questo non è l’unico caso di possibile cambio di interlocutore, che può avvenire anche nello scenario di acquisizioni di banche da parte di gruppi, che portano le aziende a dover confrontarsi sulle linee di credito in essere, nonché sulle decisioni/dinamiche che riguardano quelle future.

Questi eventi guardano quindi verso un’unica direzione, ovvero chiedono all’impresa di poter arrivare con l’appuntamento al credito in perfetta forma, alla luce delle nuove valutazioni che la banche stanno mettendo in atto.

analisi creditizia

Valutazione creditizia: come migliorarla a priori?

La Centrale dei Rischi consente un monitoraggio mensile, permette di presidiare le informazioni in essa presenti e apre le porte al confronto interno all’impresa, in uno scambio di trasparenza reciproca.

La banca valuta il merito creditizio ricevendo dati aggregati e sintetici, mentre l’azienda ottiene dati disaggregati e completi.

Si tratta di dati sicuramente criptici, ma esaustivi, che possono certamente essere semplificati con gli opportuni strumenti, ma che possono essere analizzati in modo andamentale, per soddisfare la necessità di avere informazioni relative alla situazione bancaria di un’azienda dalla Centrale dei Rischi.

consulenza

Quanto conta la consulenza in materia di accesso al credito?

La risposta è moltissimo, perché i contenuti di questo articolo fotografano una realtà complessa e dove gli imprenditori sono chiamati a conoscere diversi aspetti in materia di concessione del credito.

Dai movimenti del mercato bancario fino alle strette dell’Eba, orientarsi può non essere immediato, mentre gli imprenditori meritano di poter accedere al credito in modo fluido e consapevole.

In questo panorama, la consulenza professionale acquista un ruolo cruciale, perché permette di effettuare gli opportuni controlli e verifiche, stabilendo non solo il quadro della reputazione finanziaria aziendale, bensì consigliando l’imprenditore sulla migliore via da seguire.

Il credito è linfa dell’azienda e Counsel è a disposizione degli imprenditori con consulenze sartoriali già scelte con soddisfazione da centinaia di aziende in Italia.

Per ogni informazione, vi invitiamo a contattarci a questo link.

Redazione
La redazione di COUNSEL S.R.L. annovera professionisti specializzati nei settori della finanza, del fintech, del credito e della gestione di impresa. I contributi sono frutto dell’esperienza professionale e del costante studio, ricerche e studio di dati e statistiche.
Resta informato

Puoi ricevere anche tu la nostra email compilando questo form

Resta informato
Puoi ricevere anche tu la nostra email informativa compilando questo form